Tank Girl by Jamie Hewlett
ABOUT: LIVE FROM TORINO!?
POP CULTURE # TECHNO MUSIC
# PUNK ROCK AND HAPPINESS...
my life & MTV

   
[-_-]anKor loves these links:acidhouse \ attu \ bloody.sunday \ booooooom \ coincidenceS \ conscientiouS \ The+Cure \ fecal.face \ geisha \ glubilga \ indienudes \ (((i))) \ kottKe \ linkchecker \ mtv \ neurastenia \ sentieri.selvaggi \ splattercontainer \ SUBSONICA \ the STROKES \ trainspotting.1996 \ UNDERWORLD \ woostercollective
The ClutCh
__________________
[-_-]mondo blog:
asashleyb \ autorun \ boingboing \ consiglioegitto \ d.goldstein \ elbo \ feministe \ flickrblog \ Icepick \ ink \ kush \ lakescorner \ milinkito \ mozetta \ onemoreblog \ plep \ polaroid \ settore4C \ strelnik \ sugar-n-spicy \ ternura \ we-make-money
stockholm beat connection __________________
[-_-] les particules élémentaires:
my 31 hits:la.lista.de.la.vida;
voli imprevedibili...;
noi, the stylish kids in the riot;
exec sql select love;
amo il calcio sin verguenza;
noi, i ragazzi dello zoo di Torino;
more.important.things.in.life...;
l'età dell'oro dello sfascio 1;
matrix_anKor_reloaded;

_________flickr.ankor2:

[-_-]ME, MYSELF & I :
__________________
[-_-] I keep mine hidden:

my.lastfm\ my.flickr\ my.mp3\
out\ R.Bresson\ beldad.2\ gummo2\
Sono: massimo (anKor)
Citta': Torino
Contatto: ank2222@gmail.com
la mia email

Me, myself and i


ARCHIVIO:
/ luglio 2002 / agosto 2002 / settembre 2002 / ottobre 2002 / novembre 2002 / dicembre 2002 / gennaio 2003 / febbraio 2003 / marzo 2003 / aprile 2003 / maggio 2003 / giugno 2003 / luglio 2003 / agosto 2003 / settembre 2003 / ottobre 2003 / novembre 2003 / dicembre 2003 / gennaio 2004 / febbraio 2004 / marzo 2004 / aprile 2004 / maggio 2004 / giugno 2004 / luglio 2004 / agosto 2004 / ottobre 2004 / novembre 2004 / dicembre 2004 / gennaio 2005 / febbraio 2005 / marzo 2005 / aprile 2005 / maggio 2005 / giugno 2005 / luglio 2005 / agosto 2005 / settembre 2005 / ottobre 2005 / novembre 2005 / dicembre 2005 / gennaio 2006 / marzo 2006 / aprile 2006 / maggio 2006 / giugno 2006 / luglio 2006 / agosto 2006 / settembre 2006 / ottobre 2006 / novembre 2006 / dicembre 2006 / gennaio 2007 / febbraio 2007 / marzo 2007 / aprile 2007 / maggio 2007 / giugno 2007 / luglio 2007 / agosto 2007 / settembre 2007 / ottobre 2007 / novembre 2007 / dicembre 2007 / gennaio 2008 / febbraio 2008 / marzo 2008 / aprile 2008 / maggio 2008 / giugno 2008 / luglio 2008 / agosto 2008 / settembre 2008 / ottobre 2008 / novembre 2008 / dicembre 2008 / gennaio 2009 / febbraio 2009 / marzo 2009 / aprile 2009 / maggio 2009 / giugno 2009 / luglio 2009 / agosto 2009 / settembre 2009 / ottobre 2009 / novembre 2009 / dicembre 2009 / gennaio 2010 / febbraio 2010 / marzo 2010 / aprile 2010 / maggio 2010 / giugno 2010 / agosto 2010 / ottobre 2011 / gennaio 2012 / febbraio 2012 / giugno 2013 / luglio 2013 / settembre 2013 / ottobre 2013 / marzo 2014
  • Current Posts

  • Powered by blogger.com
  • Listed by blogarama, yaccs, blogwise


    ____does___MTV___have___a___molecule___?
    non leggete questi testi!
    non leggete questi testi!
    non leggete questi testi!
    non leggete questi testi!
    non leggete questi testi!
    non leggete questi testi!
    non leggete questi testi! non leggete questi testi!

    website stats

  • domenica, maggio 31, 2009


    ...le amo...
    YYY's keep getting better;
    e 'Heads Will Roll' spacca...
    braccio fuori
    per le streets di falchera nord
    è un piacere maranza
    le iè iè iès a tutto volume
    non ti incazzare se stai facendo il pisolo
    le masse vanno sveglate
    con ogni mezzo necessario...

    (The essential disturbance: falchera Torino)
    ? anKor at : 18:40:00 0 Commenti

    sabato, maggio 30, 2009


    ...io non pago...
    ultimo last fm;
    brutta storia mettere le funzionalità di lastfm a pagamento...
    il mio account non lo cancello ancora,
    ma di sicuro non comprerò l'abbonamento premium.
    Visto che c'è la crisi tu mi metti il sito a pagamento!?!?
    ma guarda, bello mio, che la crisi la sentiamo anche noi innamorati delle canzoni delle
    Yeah yeah yeahs,
    Ladytron,
    Bat for lashes
    e compagnia bella...
    Anche costasse 50 cent non capisco perchè noi italiani,
    colonia dell'impero
    dobbiamo pagare quello che gli anglossassoni
    hanno gratuitamente...

    (The essential disturbance: alternative-gratuite-a-lastfm)
    ? anKor at : 16:51:00 0 Commenti

    venerdì, maggio 29, 2009


    ...no chiampa...
    addio Torino bella gli anarchici NON van via;
    Chiampa,
    va bene il tuo nuovo pedigree elettorale un po' alla Cofferati
    va bene far vedere che sai superare a destra la destra,
    ma giù le mani dall'Askatasuna...

    nella mia vita non ha mai rinuciato a votare,
    ora ho la sensazione che in italia
    ci hanno
    per anni
    un po' tutti preso per il culo...

    ma scusa
    io ti voto perchè mi fai credere di essere dalla mia parte
    e tu mi vai a chiudere un centro sociale
    punto di riferimento del quartiere
    perchè vuoi un pugno di voti
    tra gli elettori da 'Torino Cronaca'...

    i partiti forse sono aziende
    quello che votiamo
    è una lobby
    che si è scelta il suo merchandising
    la sua casacca sociale,
    ma nessuno verrà mai a fare gli interessi
    di noi
    figli degli operai...


    (The essential disturbance: via-gli-anarchici)
    ? anKor at : 23:36:00 0 Commenti

    sabato, maggio 23, 2009


    ...con il nastro bianco...
    Das Weisse Band;
    Joshua PetkerMichael Haneke
    regista di 'funny games' e 'la pianista'
    rischia di vincere a Cannes...
    sinceramente lo spero
    i suoi film non solo sono tecnicamente bellissimi,
    ma riescono ad essere
    sempre e comunque un pugno nello stomaco...
    al Torino Film Festival
    nel 1997
    mi ero accatato questo ottimo libro:
    "Michael Haneke, Alexander Horwart e Giovanni Spagnoletti, 1998, Edizioni Lindau".
    In quel testo Haneke dichiarava espressamente il suo concetto di violenza...
    il dolore nel cinema non deve avere
    nulla di estetico,
    il male è meschino e
    squallido...
    Come ben scritto dalla Tornabuoni in molto suoi film
    "gli invasori torturano l'uomo e lo uccidono. [...] Non rubano, non spiegano: il regista Haneke ritiene che ogni spiegazione sia rassicurante e razionalizzi una violenza invece enigmatica". 'Il nastro bianco' è un nuovo passo sempre sul tema sulla violenza e le sue origini; infatti quale può essere l'elemento più archetipico della violenza se non il Nazismo?
    Pasolini in 'Salò o le 120 giornate di Sodoma' (1970)
    è stato la più importante fonte di ispirazione insieme a Bresson per haneke...
    quel libro l'ho divorato e da quel giorno ho cominciato ad amare alla follia
    tutto il cinema di Robert Bresson ('Au hasard Balthazar', 'Mouchette' e 'Il diavolo probabilmente'.
    Insomma tutta 'sta digressione
    per dire che 'il nastro bianco' (Das Weisse Band) ora in programmazione
    è già tra i film
    che assolutamente vedrò...
    d'altronde
    sembra che per un po'
    saremo orfani delle opere imprescindibili di Vanzina...

    Mariuccia Ciotta dixit in i piccoli mostri educati alla morte
    In gara, il regista austriaco Michael Haneke scrive con il suo film «Il nastro bianco» un implacabile diario d'epoca. È un flashback storico, vero incubo che descrive il sistema pedagogico che allevò la generazione nazista.
    1913,
    un villaggio della Germania del nord,
    ma l'atmosfera è quella di una comunità Amish,
    dominato da un glaciale ordine repressivo.
    Ai vertici il pastore protestante, il medico, il barone che dettano legge alle anime e ai corpi di poverissimi contadini e a uno stuolo di bambini e adolescenti, tutti biondi e inespressivi, terrorizzati dalle punizioni psicologiche e corporali inflitte dagli adulti.
    Il nastro bianco (Das weisse band) del regista austriaco (ma nato a Monaco) Michael Haneke, in gara, kolossal in bianco e nero di 2 ore e 25', pensato inizialmente come miniserie tv in tre parti, flash-back storico sulla genesi della disumanità, è un film che illustra «un sistema di educazione dal quale è emersa la generazione nazista», secondo il regista che ha presentato qui a Cannes nel '97 Funny Games e La pianista, Gran premio della giuria 2001, premiato anche per la migliore interpretazione di Isabelle Huppert (presidente della giuria di questa edizione).
    Attirato dalle dinamiche della perversione, Haneke (studioso di filosofia, psicologia e regista di teatro) realizza un film collettivo composto di quadri fissi, una sequenza di fatti ordinari disturbati da strani, perturbanti episodi in un crescendo di misteri e orrori inspiegabili. Il medico del paese cade rovinosamente da cavallo, qualcuno ha tirato un cavo nell'erba, un campo di cavoli è devastato da una falce, il figlio del barone viene ritrovato frustrato a sangue, brucia il fienile della dimora patrizia, un ragazzino handicappato è sottoposto a crudeli sevizie che lo acciecano, morti inspiegabili, suicidi... Rituali punitivi che restano senza nome. Ma non siamo a Twin Peaks. Qui regna una calma mortifera, dominata dalle direttive del pastore che educa i suoi figli a una totale ubbidienza in nome dell'«innocenza», simboleggiata da un nastro bianco che i bambini sono tenuti a portare al braccio, se sbagliano, frustrate per il «vostro bene».
    Disciplinati come soldatini, i ragazzini restano impassibili, uno viene legato al letto per evitare che si masturbi, la figlia maggiore è umiliata in classe, e anche il medico non è da meno, corrotto e incestuoso, probabile artefice della morte della moglie, amante sprezzante della governante, padre presunto del ragazzino down, scampato a un aborto malriuscito... Una collezione di misfatti sotto la cappa della disciplina e della purezza della comunità che si copre a vicenda. Haneke è implacabile nel suo diario d'epoca, commentato dalla voce fuori campo dell'istitutore del paese, il testimone incaricato di trasmettere la memoria storica della «covata maledetta». Sì, perché siamo nel Villaggio dei dannati (Carpenter, 1995), nella specie «aliena» che alla vigilia della prima guerra mondiale si allena alla seconda. Un uccellino crocifisso dalle forbici che giace infilato sulla scrivania del pastore fa da simbolo della vendetta. È Il gioco dei bambini di James G. Ballard che aleggia, il seme della violenza non colpisce però solo gli adulti responsabili ma si rivolge ai più deboli, vittime delle vittime. Ecco come nasce un soldatino nazista, il torturatore torturato, il futuro soldato del terzo Reich. E non si può dimenticare Education for Death, il corto di animazione che Walt Disney realizzò nel 1943, quando gli Studios di Burbank erano a servizio di Roosevelt. Un incubo fiammeggiante a cartoni animati tratto dal libro di Gregor Ziemer, pedagogista americano di stanza a Berlino che scrisse un reportage sul sistema educativo nazista, ovvero come uno scolaro timido è trasformato in un feroce sterminatore. Haneke non ha la leggerezza e il fuoco creativo di Carpenter, di Ballard e di Disney, è un compilatore di danni mentali, un moralizzatore per mezzo di visioni apocalittiche. Il nastro bianco è un film che vale come documento e monito, lavoro meticoloso che osserva da lontano lo schiudersi dei mostri.


    Ecco alcuni dei suoi film
    che consiglio
    per passare due piacevoli ore
    nel inquietudine e nell'angoscia:
    FUNNY GAMES
    R. e sc.: Michael Haneke. Fot.: Jürgen Jürges. Int.: Susanne Lothar, Ulrich Mühe, Arno Frisch, Frank Giering, Stefan Clapckynski. Austria, 1997, col., 103’.
    Una normale famiglia borghese in vacanza nella propria casa sul lago accoglie due giovani dall’aria per bene, Peter e Paul. Dopo la gentilezza iniziale, i due ragazzi svelano la loro natura sadica che li condurrà, senza alcun motivo apparente, a seviziare e uccidere tutti i membri della famiglia.


    LA PIANISTA
    R. e sc.: Michael Haneke, dal romanzo The Piano Teacher di Elfriede Jelinek. Fot.: Christian Berger. Int.: Isabelle Huppert, Annie Girardot, Benoît Magimel, Susanne Lothar, Udo Samel. Francia/Austria, 2001, col., 130’.
    La storia sconvolgente della graduale autodistruzione di una matura insegnante di pianoforte al Conservatorio di Vienna. La figlia Erika, legata alla madre da un rapporto di odio-amore, è a sua volta divisa fra il piacere della musica e i suoi più torbidi desideri, che la spingono a frequentare i peep-show e i cinema porno, e a spiare le coppie appartate. Finché i suoi desideri repressi non esploderanno.
    Gio. 3 nov. (h 21.30)

    STORIE – RACCONTO INCOMPLETO DI DIVERSI VIAGGI
    R. e sc.: M. Haneke. Fot.: Jürgen Jürges. Int.: Juliette Binoche, Bruno Todeschini, Thierry Neuvic, Sepp Bierbichler, Alexandre Hamidi, Paulus Manker, Didier Flamand. Germ./Rom., 2000, col., 117’.
    Più storie che si intrecciano e si (ci) interrogano sulla sempre più forte incapacità di comunicare contemporanea legata a temi quali l’immigrazione, la xenofobia, l’alienazione urbana, l’indifferenza sociale. E su tutto una cappa di violenza mai dichiarata ma incombente.

    IL TEMPO DEI LUPI
    R. e sc.: Michael Haneke. Fot.: Jürgen Jürges. Int.: Isabelle Huppert, Béatrice Dalle, Patrice Chéreau, Rona Hartner. Francia/Austria/Germ., 2003, col., 110’.
    Una famiglia alto borghese trova la propria casa di campagna occupata da profughi disperati. La violenza esplode: il capofamiglia viene ucciso, la madre e i due figli spogliati di tutto e costretti a vagare in un paesaggio popolato da orde sempre più numerose di uomini senza più nulla e ridotti allo stato di animali.

    (The essential disturbance: iquida.it/michael-haneke
    (The essential disturbance: sentieriselvaggi)
    ? anKor at : 14:26:00 0 Commenti

    venerdì, maggio 22, 2009


    ...moz...
    happy 50th morrissey;
    auguri lingua-lunga
    auguri semplice salvatore delle nostre vite,
    ma liberaci dai coldplay

    amen.

    (The essential disturbance: Panic at the Brickyard)
    ? anKor at : 17:14:00 2 Commenti

    giovedì, maggio 21, 2009


    ...eli...
    elisa primo giorno d'asilo;
    il nostro caro angelo
    Elisa
    non ci vuole andare all'asilo
    comincia la sua personale contestazione...
    a parte gli scherzi
    mi sembra così piccola
    così ancora cucciola
    per essere data in pasto a Montessori...
    i manuali però lo consigliano,
    ma
    chissà
    se mandarla al decimo mese
    è un po' prematuro!?

    (The essential disturbance: judge a book)
    ? anKor at : 00:00:00 5 Commenti

    mercoledì, maggio 20, 2009


    ...no g8...
    porte chiuse e manganelli;
    ...quando sono esplosi gli studenti greci, al seguito dell'omicidio del povero Alexis, Ilvo Diamanti ha scritto per Repubblica analisi per nulla banali sul tratto comune della nuova generazione in lotta: dalla Francia all'Italia, dalla Grecia alla Spagna ‒ parafrasando le parole di Diamanti ‒ una generazione estranea al patto sociale alza la testa e pretende di riavere indietro il futuro che la precarietà le ha sottratto.
    Occorre dirlo a voce alta... ieri migliaia di studenti dell’Onda hanno alzato la testa, nei confronti di chi alla contrattazione sociale ha sostituito l’autoritarismo. Dopo mesi di lotte gli studenti italiani hanno ricevuto porte chiuse e manganelli.
    Da che parte sta la violenza, quella vera, quella del potere cieco e sordo?

    FONTE:Francesco Raparelli

    (The essential disturbance: P.O.T.D. l'altra America - mese di maggio 2009)
    ? anKor at : 17:35:00 0 Commenti

    martedì, maggio 19, 2009


    ...all'università...
    se fossi ancor studente arderei il gi-otto;
    Ryan McGinley
    alla fine sono arrivati
    gli Dei della cattedra
    si sono riuniti,
    sempre un po' indignati,
    hanno parlato con i soliti baroni
    per risolvere mirabilmente
    e sapientemente
    i problemi dell'università
    poi d'improvviso
    una testa d'uovo
    ha aperto piano piano la finestra
    e si è accorto di qualcosa di strano
    in corso Marconi:
    rumori di spari,
    fumogeni,
    gente che corre
    studenti a terra
    altri a testa bassa
    intenzionati a fermare
    la farsa.
    In un mondo normale
    i porfessori dovrebbero rendere conto del malessere,
    dell'inadegutezza della loro attività.
    Io,
    te
    e tutti gli altri
    abbiamo un pessimo ricordo
    dell'atteggiamento normale
    di superiorità che ci divideva
    dalle divinità
    in cattedrà.
    Ma questo non è normale.
    Non è la norma
    blindare una città
    per buttare fuori
    il cuore pulsante
    dell'università Italiana.
    Altro che fantasia al potere
    oggi gli studenti stanno scendendo
    per chiedere quello che ormai
    è tutt'altro che scontato:
    un futuro,
    un lavoro
    e uno stato dove
    la giustizia processa
    chi si macchia la mani per la passate
    e le future
    macellerie
    messicane...


    abbiamo gli stipendi più bassi d'europa,
    le università sono fossili gestiti da baroni e
    i mezzi di informazione
    sono tipici
    dello stato libero di Bananas....
    insomma
    per dirla in poche parole
    perchè dovrei ritenere
    insensata
    l'opposizione al G8 University Summit 2009 !?

    (The essential disturbance: Università corteo anti G8 Torino)
    (The essential disturbance: g8-genova-assolti-i-vertici-della-polizia)
    (The essential disturbance: g8 Genova - wikipedia)
    ? anKor at : 14:57:00 0 Commenti

    lunedì, maggio 18, 2009


    ...meno uno...
    arrivano;
    mi raccomando ragazzi
    dopo il grande fratello
    dopo Amici in piazza San Carlo
    preparativi
    all'arrivo
    dei geni dell'università
    nelle meravigliose stanze di Architettura...
    fategli
    una degna e bella accoglienza...
    chessò
    magari
    qualcosa
    di hawaiano,
    e un offerta volante di frutti locali...

    (The essential disturbance: spot no G8)
    ? anKor at : 15:22:00 0 Commenti

    domenica, maggio 17, 2009


    ...from germany...
    assioma;
    ci tenevo a dire qualcosa su Britta Kamrau
    mica male la ragazza

    (The essential disturbance: koepcke.de/britta_kamrau)
    ? anKor at : 16:07:00 0 Commenti

    sabato, maggio 16, 2009


    ...inter 17 tituli...
    la vostra pace sia una vittoria;
    inter!...
    "Sia il vostro lavoro un combattimento,
    la vostra pace una vittoria!
    Non si può tacere e starsene tranquillamente seduti,
    se non con la freccia e
    l'arco al fianco:
    altrimenti si fanno
    chiacchiere e
    si litiga
    con prostituzione intellettuale.
    La vostra pace sia una vittoria!"


    Il prologo di Zarathustra - Friedrich Nietzsche

    (The essential disturbance: Eminem relapse artwork)
    ? anKor at : 23:24:00 9 Commenti

    mercoledì, maggio 06, 2009


    ...subs...
    nei nostri luoghi;
    nella parte iniziale
    del subsonico
    'Nei Nostri Luoghi'
    Samuel canta de ..."le serrande chiuse dal tempo"...
    sinceramente
    io
    non ho più nessuna nostalgia
    dei miei ricordi,
    dei luoghi dove sono vissuto,
    la Collina;
    è buffo percepire che sono di gran lunga
    più felice adesso
    con Elisa 'caffeina' in braccio
    a rappresentare tutto il mio mondo,
    tutto ciò che ho sempre voluto vivere
    ora e sempre
    assolutamente
    in altri luoghi
    lontani da quelli
    dell'infanzia...

    (The essential disturbance: youtube.com/watch?v=QDSNyoBusaI)
    ? anKor at : 00:29:00 2 Commenti